Le sei regole della connessione ad Internet

Sei un’Azienda in procinto di acquistare o di sostituire una nuovo collegamento ad Internet? Ecco qui un breve video con sei punti assolutamente necessari prima di effettuare un qualsiasi acquisto.

Punto primo: comprendere le necessità della tua Azienda. E’ un errore molto frequente quello di acquistare un prodotto sulla base delle convinzioni personali o perché consigliate dall’amico di calcetto o peggio ancora ascoltando una pubblicità in televisione. Le aziende hanno invece esigenze tutte diverse, le une dalle altre, in materia di prestazioni, di ampiezza di banda, di velocità, di banda garantita, se hai bisogno di connessioni simmetriche, asimmetriche etc. etc. Se non hai le giuste competenze è meglio consultare un esperto.

Punto secondo: che tipologia di circuito utilizzo? Oggi si fa un gran parlare di fibra ottica e questo è corretto perché le prestazioni che si possono ottenere con questo mezzo trasmissivo sono sicuramente migliori ma  quello che non sai è che le connessioni in fibra non sono tutte uguali: ci sono le “FTTC”, le “FTTH” e le “punto/punto”.

Analizziamole velocemente assieme: le FTTC o FTTS (fiber to the cabinet / street) sono tutte quelle connessioni che hanno un’architettura condivisa in fibra fino al cabinet mentre il collegamento fino alla tua sede è costituito da un tratto in rame; le prestazioni di questo circuito sono solitamente molto variabili perché dipendono dalla distanza tra il cabinet e la tua sede, giusto per darti un’idea le prestazioni migliori si ottengono se restiamo all’interno dei 250/300 metri, ma anche dalla qualità stessa del doppino in rame. Una soluzione di questo tipo la consiglio per esigenze abbastanza contenute.

Poi abbiamo le FTTH (fiber to the home) dove, pur essendo una connessione condivisa, abbiamo comunque l’intero circuito in fibra ottica: queste sono adatte per aziende con una esigenza intermedia.

Ed infine le connessioni punto punto (la vera fibra!) costituita da fibra ottica di qualità superiore interamente dedicata al cliente sia nel circuito sia negli apparati: chiaramente il prodotto viene consigliato a tutte quelle aziende che hanno la necessità di prestazioni e di affidabilità superiore.

Terzo punto: il backup. Qualunque siano le esigenze della tua aziende non puoi prescindere da un backup, praticamente un paracadute che entra in funzione qualora la connessione principale non dovesse funzionare. L’ideale sarebbe utilizzare una soluzione nativa differente rispetto alla connessione principale, ad esempio: fibra come circuito principale e ponte radio come backup e meglio ancora con lo stesso reindirizzamento degli IP cosi facciamo contenti i tuoi IT manager (questa cosa fattela chiarire meglio da loro che è un po’ lunga da spiegare in un video di pochi minuti).

Quarto puntoUpgrade. Prima di comprare un qualsiasi prodotto è necessario informarti sulla possibilità di upgradare il contratto perché in futuro le tue esigenze potrebbero cambiare ed avere maggiori esigenze … non si può mai sapere ed è meglio saperlo per tempo.

Quinto puntoassistenza e back office: nota dolente di tutti i gestori cosiddetti “dominanti”. Se devi fare business nel mondo digital in caso di problemi non puoi confrontarti con un call center di primo livello e con operatori stranieri: quello di cui hai bisogno è un confronto con tecnici esperti che operano direttamente sul problema e che lo risolvono in tempi accettabili. Anche qui prima di acquistare controlla il grado qualitativo del back office e i tempi di intervento in caso di guasti.

Sesto punto: le alternative via etere: un tempo considerate un piano B di ripiego, oggi invece grazie al progresso tecnologico possono tranquillamente essere considerate al pari e in alcuni casi molto meglio di connessioni terrestri con infrastrutture vecchie e degradate. Se la tua azienda si trova all’interno di un territorio difficile ti consiglio di prendere seriamente in considerazione questa alternativa.

Per concludere: non esistono soluzioni valide per tutti, ogni azienda ha la sua esigenza, ti consiglio quindi di farti aiutare da un esperto prima di acquistare qualcosa non adatto a te. Perché se non sai esattamente cosa compri alla fine il tuo metro di misura sarà solo il prezzo e all’interno di questo mondo è facile sbagliare.

(Massimiliano de Gabriele)